Zum Inhalt springen

Eberspächer continua a crescere più del mercato: il solido pareggio del 2014 conferma le buone prospettive per il futuro

08.04.2015 – Il sostanziale pareggio di bilancio con cui il Gruppo Eberspächer chiude l’esercizio 2014 rischia di mettere in ombra l’eccezionale risultato in termini di crescita. I ricavi del Gruppo di Esslingen sono, infatti, aumentati del 23,4% e il numero di collaboratori del 6,3%: due numeri importanti, che vanno attribuiti principalmente alla indiscussa posizione di leadership tecnologica a livello mondiale nel campo del trattamento dei gas di scarico. Alcuni problemi di efficienza, concentrati in due siti produttivi, hanno comportato un calo dei profitti: le contromisure messe in atto hanno portato a un recupero di redditività già a partire dall'ultimo trimestre del 2014, che prosegue senza sosta anche nel primo trimestre 2015.

"In Eberspächer ci aspettiamo un'ulteriore crescita del fatturato di oltre il 10% e un significativo aumento dei profitti per l'esercizio in corso", ha sottolineato il managing partner Heinrich Baumann in occasione della conferenza stampa annuale presso la sede centrale del Gruppo a Esslingen. Nel corso dell'esercizio 2014 il Gruppo Eberspächer, che da lavoro in tutto il mondo a 8.385 collaboratori, ha generato un fatturato di 3.598,5 milioni di euro, con un aumento dei ricavi del 23,4% rispetto all’esercizio precedente: la società è cresciuta quindi molto più rapidamente rispetto al mercato. Per contro, con 3,6 milioni di euro l’utile netto si è ridotto significativamente rispetto ai 19,5 milioni di euro dell'anno precedente. Al di là di alcuni eventi “una tantum”, a pesare sul risultato sono stati soprattutto i problemi di efficienza registrati nei due grandi siti produttivi di Neunkirchen in Saarland e di Nykoeping in Svezia, entrambi dedicati ai sistemi di trattamento dei gas di scarico. I piani di miglioramento immediatamente messi in atto si sono dimostrati efficaci, portando benefici già sul finire del 2014: Eberspächer proseguirà su questo percorso per tutto il 2015, con l'obiettivo di aumentare la propria competitività, a garanzia del mantenimento dei siti produttivi e dei posti di lavoro nel lungo termine. In Saarland, l'azienda prosegue nel suo piano di concentrare le proprie attività produttive in un unico sito: un processo avviato già nel 2013, che ha comportato a oggi tagli di poco inferiori alla metà rispetto alle 400 – 500 unità inizialmente previste, concentrandosi sulla graduale dismissione dei contratti di lavoro temporaneo, sulla naturale rotazione dei dipendenti e su altri interventi socialmente responsabili.

L'impianto di produzione di sistemi di scarico per veicoli commerciali nella città svedese di Nykoeping, che Eberspächer ha acquisito da un concorrente nel 2011, è stato in grado di aumentare l'efficienza in modo significativo nel corso del 2014, grazie a un processo di riorganizzazione che sarà completato alla fine del 2015. Nel frattempo, il numero di collaboratori è stato ridotto dai circa 1.100 del 2013 a meno di 700.

Nella divisione Sistemi di Climatizzazione, il trasferimento all'estero di due linee di produzione relativamente datate, in programma per il 2015, non avrà invece alcun impatto sul numero di dipendenti a tempo indeterminato: i 40-45 posti di lavoro non più necessari saranno, infatti, interamente coperti dalla flessibilità garantita dal lavoro temporaneo e dal naturale turnover del personale.

Ottimi risultati per i sistemi di scarico nel settore dei veicoli commerciali
Nella divisione più importante in termini di fatturato – Exhaust Technology, attiva nei sistemi di trattamento dei gas di scarico – le vendite sono aumentate del 27,4% nel 2014, portandosi a 3 miliardi e 120,9 milioni di euro. Il principale fattore di crescita è rappresentato da importanti forniture di serie nel settore dei veicoli commerciali. Per i prossimi anni Eberspächer prevede una ulteriore sensibile crescita di questa divisione, sia nel settore dei veicoli commerciali sia in quello delle autovetture.

Domanda stabile per i riscaldatori e i sistemi di climatizzazione per autobus
Nella seconda divisione per fatturato – Climate Control, attiva nel settore della climatizzazione – le vendite di sistemi di riscaldamento a combustibile ed elettrici e di sistemi di climatizzazione per autobus ammontano a 428,3 milioni di euro, in leggera crescita rispetto all'anno precedente.

Grazie al suo ampio portafoglio di prodotti, la Divisione Climate Control Systems guarda con ottimismo al futuro: la domanda di sistemi di gestione termica per autovetture, veicoli commerciali e veicoli speciali è in aumento in tutto il mondo – così come in aumento sono le vendite di veicoli ibridi ed elettrici, ai quali Eberspächer fornisce i riscaldatori supplementari.

Forte crescita per l’elettronica di bordo
Nella divisione Automotive Controls il fatturato è aumentato del 23,5%, raggiungendo i 49,3 milioni di euro. L'incremento è dovuto principalmente alla crescente domanda di prodotti dedicati alla stabilizzazione del sistema elettrico per i veicoli di gamma alta dotati di sistemi start-stop: si tratta dei dispositivi che impediscono la caduta di tensione quando il motore viene riavviato dopo un arresto al semaforo o durante la marcia in colonna. Qui è il numero di nuovi prodotti lanciati nel 2015 il principale motivo di ottimismo per il futuro: “Siamo stati in grado di espandere con successo la nostra posizione nel mercato dell’elettronica di bordo”, dice Heinrich Baumann.

In generale, il managing partner ritiene che il gruppo Eberspächer sia ben posizionato strategicamente in ciascuna delle sue tre divisioni. "Il volume degli ordini attuali e di quelli futuri è eccellente", prosegue. E sulla base di una crescita superiore alla media di oltre il 10% annuo, per i prossimi anni Baumann si aspetta anche un significativo aumento dei profitti.

indietro