Zum Inhalt springen

Eberspaecher con Andrea Mura sfida la OSTAR 2017

La Ostar è considerata la più difficile regata transoceanica in solitario perché si disputa contro vento, contro corrente, a temperature polari e alte latitudini (sino al 59° parallelo nord). L’ultima edizione, nel 2013, ha visto Andrea Mura approdare sulle coste americane come vincitore assoluto, dopo circa 20 giorni di regata. Pluricampione italiano di diverse classi, vincitore di una Louis Vuitton Cup con il Moro di Venezia, nazionale del team olimpico di vela, e finalista nel 1992 della America's Cup, Andrea parteciperà in qualità di defender anche all'edizione 2017 della Ostar, a bordo del pluripremiato Open 50 “Vento di Sardegna”. Sono molte le modifiche implementate su VDS per affrontare la Ostar, così come le aziende coinvolte per la preparazione tecnica dell'imbarcazione. La Veleria Andrea Mura ha realizzato le prime vele al mondo in filato “sk99 low crimp”, più performanti delle vele in Kevlar e Carbonio. Lamborghini ha ridisegnato i timoni con un rinnovato profilo alare, e VDS è stata dotata anche di una nuova copertura in acciaio e strataglass per contrastare le tempeste. Anche Eberspaecher, con i propri sistemi, salirà a bordo di Vento di Sardegna per accompagnare il campione in questa durissima impresa che mette a prova uomini e materiali. Andrea Mura, infatti, per affrontare il gelo dell'Atlantico ha installato a bordo di VDS il riscaldatore compatto Airtronic D2.